Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain recensione

È il 1984. Tre comandanti degli Spetsnaz stanno conducendo un incontro segreto in una remota base militare afghana. Sono le 13:00 e il sole splende. Cavalco il mio fidato cavallo lungo una strada di manutenzione non custodita, tenendomi fuori dalla vista finché non sono appena fuori dalla base. Dopo aver strisciato attraverso un tunnel di drenaggio, emergo vicino al punto di incontro. Tre colpi di una pistola tranquillizzata hanno addormentato i miei bersagli, ma sono troppo preziosi per ucciderli. Invece, attacco un palloncino Fulton a ogni soldato e li mando a galla nel cielo, pronti per essere recuperati dalla mia squadra di supporto. Torno fuori e vado a cavallo verso il tramonto, senza essere scoperto. Missione completata.

The Phantom Pain è uno straordinario esempio di come offrire ai giocatori un mondo completamente aperto possa creare una miriade di modi per avvicinarsi a un singolo obiettivo. La serie stealth di Hideo Kojima potrebbe aver avuto inizio con avventure lineari e guidate dalla trama, ma Metal Gear Solid 5 lascia quasi tutto alla scelta del giocatore. L'ordine in cui affronti ogni missione, l'equipaggiamento e le armi nel tuo equipaggiamento, gli amici controllati dall'IA che porti con te tu e l'ora del giorno in cui fai la tua mossa possono essere cambiate al volo, spesso risultando in esperienze completamente diverse ciascuna tempo. Anche le rotte delle pattuglie nemiche cambiano a seconda dell'ora del giorno.

Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain 6

È il 1984. Tre comandanti degli Spetsnaz stanno conducendo un incontro segreto in una remota base militare afghana. Sono le 3 del mattino e le nuvole bloccano la luna piena. Sono appena arrivato sulle montagne sopra la base con il mio compagno di cecchino. Individua rapidamente le pattuglie, le telecamere di sicurezza ei miei obiettivi. Eliminiamo con fucili silenziati, quindi esfiltriamo a piedi. Missione completata.

I giocatori sono incoraggiati attivamente a mescolare le loro strategie, poiché i nemici si adattano rapidamente ai tuoi metodi. I caschi verranno consegnati ai soldati se ti affidi eccessivamente a fucili di precisione e colpi alla testa. I nemici riceveranno gradualmente scudi, giubbotti antiproiettile e equipaggiamento antisommossa se usi solo armi da combattimento ravvicinato. Ruba le risorse nemiche senza farti rilevare e le telecamere di sorveglianza inizieranno ad apparire negli avamposti e nelle basi militari. Attaccare solo di notte e presto i soldati saranno dotati di occhiali per la visione notturna. Il continuo adattamento dei cattivi significa che sei costantemente a indovinare quale opposizione incontrerai in ogni nuova missione.

Con due enormi aree aperte, c'è un enorme margine di esplorazione, anche se c'è molto spazio vuoto tra le aree popolate. Il motore Fox del gioco gira magnificamente su PC, con distanze di visualizzazione sbalorditive e dettagli degli oggetti incredibili; La tuta furtiva del protagonista Big Boss si sgualcisce in modo convincente mentre corre, si bagna quando piove e diventa gradualmente più sporco e sanguinante mentre passi il tempo sul campo senza tornare a casa per una doccia. L'attenzione ai dettagli è semplicemente sbalorditiva.

È il 1984. Tre comandanti degli Spetsnaz stanno conducendo un incontro segreto in una remota base militare afghana. Sono le 6 del mattino e il sole sta per sorgere, ma l'avamposto è già pieno di auto blindate. Ho deciso contro l'approccio sottile, ordinando al mio pilota di elicottero di mantenere la posizione sopra la base, mentre io contrassegno i bersagli sotto. Cinque secondi dopo piove un bombardamento aereo, facendo a pezzi il punto d'incontro mentre il mio elicottero vola fuori dalla zona calda. Missione completata.

Aiuta il fatto che il sistema di controllo sia sublime, sia che tu stia giocando su un gamepad o con un mouse e una tastiera. Big Boss può correre, arrampicarsi, strisciare, sbirciare dietro gli angoli e appendere alle sporgenze nel tentativo di non farsi notare, ma sei anche aiutato da pochi secondi di movimento lento quando una guardia ti vede. Questa minuscola finestra della modalità Reflex ti dà il tempo sufficiente per segnare un colpo alla testa o eseguire una rapida combo di pugni e prevenire un allarme completo. All'inizio dovrai fare affidamento su scontri ravvicinati, ma accumuli rapidamente un enorme arsenale di gadget e armi che creano nuove possibilità di gioco.

Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain 1

L'approccio non letale ha molto più senso, tuttavia, poiché fai affidamento sui soldati nemici catturati per costruire la tua base e sbloccare nuove opzioni di sviluppo. È esilarante attaccare un pallone Fulton (che galleggia nel cielo per essere recuperato da un aereo cargo) a un nemico ignaro (e ancor di più a una pecora o un'auto blindata) ma diventa un modo vitale per potenziare le abilità di Big Boss e inventario. Puoi estendere la tua base, aggiungere piattaforme e ponti extra per fare spazio a più soldati e proteggerla con telecamere di sicurezza, recinzioni elettriche ed esche, essenziali per mantenere le materie prime e i lavoratori depredati al sicuro dagli altri giocatori in multiplayer modalità. La componente multiplayer è un'aggiunta brillante, con la capacità di invadere le basi di altri giocatori nel tentativo di rubare risorse, ma così facendo sarai un bersaglio per ritorsioni successive. È anche del tutto facoltativo, quindi puoi restare in modalità offline se preferisci.

Ovviamente, come gioco di Metal Gear Solid, i fan della serie possono aspettarsi una storia altamente contorta piena di intrighi, doppi incroci e personaggi straordinari. La trama entra rapidamente nel territorio degli spoiler, quindi è difficile entrare nei dettagli, ma è sorprendente che le cut-scene e le lunghe conversazioni ora passino in secondo piano rispetto ai titoli precedenti. Kiefer Sutherland è stato chiamato a doppiare Big Boss, in sostituzione del veterano della serie David Hayter, ma gran parte di la sua performance è nascosta in briefing su cassette opzionali che possono essere riprodotti mentre ne fai altro cose.

Le poche ore di apertura lasceranno perplessi chiunque non abbia familiarità con la serie, ma il prologo ha lo scopo di disorientare anche i fan più accaniti di Metal Gear, anche quelli che hanno interpretato il prologo autonomo. Ground Zeroes. Dopo essersi svegliato da un coma di nove anni e ora manca un braccio, Big Boss deve scappare da un ospedale che è stato perquisito da una forza militare ostile. Aiutato da un misterioso "Ishmael" e inseguito da un uomo in fiamme, la situazione non è altro che confusa. La trama si risolverà presto una volta tornati alla Mother Base, la tua piattaforma petrolifera offshore che funge da area di sosta tra le missioni, ma diventa rapidamente incoerente.

Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain 4

I fan di Metal Gear che sperano che il Phantom Pain risolva chiaramente ciò che è accaduto tra gli eventi di Peace Walker e il titolo originale MSX2 rimarranno gravemente delusi. Dopo un capitolo uno per lo più coerente, il capitolo due sembra in gran parte incompiuto, poiché sei costretto a ripetere le missioni a difficoltà più difficili mentre lo sviluppo della trama avviene a intervalli apparentemente casuali. Il secondo capitolo è molto più breve del primo e finisce troppo bruscamente. È risaputo che Hideo Kojima e l'editore Konami si sono separati pubblicamente, il che solleva immediatamente domande in merito a se al regista è stato permesso di finire la sua visione del gioco, o se è stato costretto a fare dei tagli per rilasciarlo tempo. Proprio come la trama del gioco, ci sono molte domande senza risposta che manterranno i fan a indovinare per molto tempo a venire.

Nonostante tutto questo, però, il Phantom Pain è una gioia assoluta da giocare. Creando l'illusione di un mondo aperto, nonostante ogni missione sia in qualche modo autonoma, e dando ai giocatori la scelta di come affrontare ogni incontro, sembra più un vero gioco d'azione stealth rispetto a qualsiasi titolo Metal Gear precedente esso. Che tu abbia familiarità con la serie o meno, è assolutamente da giocare.

Disponibilità
Formati disponibili PC, Xbox 360, Xbox One, PlayStation 3, PS4
Requisiti del PC
Supporto OS Windows 7, Windows 8.1 a 64 bit
CPU minima Intel 3.4GHz dual-core o migliore; AMD quad-core o migliore
GPU minima AMD Radeon R9 270x / NVIDIA GeForce GTX 650 (2 GB) o superiore
RAM minima 4GB
Spazio su disco rigido 28 GB
Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain recensione

Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain recensioneKonami

È il 1984. Tre comandanti degli Spetsnaz stanno conducendo un incontro segreto in una remota base militare afghana. Sono le 13:00 e il sole splende. Cavalco il mio fidato cavallo lungo una strada d...

Leggi Di Più
instagram story viewer