Uncharted 3: Drake's Deception recensione

Uncharted è senza dubbio il gioiello nella corona piuttosto snella di titoli esclusivi di PlayStation 3. Una metafora appropriata per una serie che si occupa delle avventure del cacciatore di tesori, o dovrebbe essere un tomb raider, Nathan Drake. Sì, gli exploit di Drake potrebbero provenire dalla stessa vena di Lara Croft, ma lo sviluppatore Naughty Dog ha ha superato quel franchise per ora, con una ricreazione delle avventure matinée che è semplicemente seconda nessuna.

Uncharted 3: Drake's Deception inizia con un'invidiabile schiera di personaggi a cui attingere e un eccellente talento vocale per dar loro vita. I romanzi in stile Indiana Jones non richiedono un grande sviluppo del personaggio o scene strazianti, ma in termini di sceneggiatura e la consegna diremmo che Uncharted 3 è più vicino alla qualità del film originale di qualsiasi altro gioco che possiamo richiamare.

Uncharted 3: Drake's Deception

Gli attori registrano le loro battute insieme su un palco in motion capture, in modo da ottenere interazioni e performance di qualità cinematografica

I personaggi sono di pura classe, con stranezze intriganti oltre i loro stereotipi iniziali: un gangster cockney erudito e claustrofobico per esempio. Il fatto che le loro motivazioni siano chiare li mette un passo avanti rispetto a molti giochi, che sono anche sfumati e sviluppò la credenza dei mendicanti in quello che poteva essere considerato un gioco d'azione diretto, piuttosto che un coinvolto RPG. Il terzo gioco porta questa caratterizzazione oltre, ma non a scapito di lunghi filmati o esposizioni.

La trama di questo terzo episodio inizia per le strade di Londra, o almeno Londra vista attraverso le lenti di Lock-Stock e Two Smoking Barrels. Fortunatamente per i giocatori britannici, si sposta rapidamente verso luoghi più esotici, con Drake che insegue l '"Atlantide delle Sabbie" scoprendo i segreti a lungo sepolti del suo omonimo. Seguono poteri soprannaturali, una società segreta e un sacco di giramondo.

Come un buon film di Bond, Uncharted 3 mette insieme un'incredibile varietà di luoghi. Ognuno è riccamente dettagliato, amorevolmente ricercato e graficamente sbalorditivo. La PlayStation 3 potrebbe entrare negli ultimi anni, ma la grafica qui mostra che ha molto di più da offrire. I riconoscimenti devono essere dati allo sviluppatore e al suo budget ovviamente enorme, perché ogni scena ha avuto tempo e sforzi profusi.

Uncharted 3: Drake's Deception

Una serie di ambientazioni fantasiose e ben riprodotte sono al centro di Uncharted 3

Questi ambienti sono ulteriormente valorizzati dalla loro natura dinamica. Un edificio crolla intorno a te mentre il fuoco lo consuma, una nave viene capovolta su un lato con te sotto i ponti e un aereo sobbalza e ondeggia mentre spari ai sicari nella sua stiva, mentre l'unica copertura scivola e scivola sul mazzo. Un livello, con enormi onde che colpiscono una barca, ci ha tolto il fiato. Tutto questo movimento pone Uncharted al di sopra delle altre avventure d'azione in terza persona. E questo è ulteriormente migliorato da una brillante animazione dei personaggi, che fa sembrare che tutti abitino davvero questi mondi in costante mutamento.

Uncharted 3: Drake's Deception recensione

Uncharted 3: Drake's Deception recensioneCane Cattivo

Uncharted è senza dubbio il gioiello nella corona piuttosto snella di titoli esclusivi di PlayStation 3. Una metafora appropriata per una serie che si occupa delle avventure del cacciatore di teso...

Leggi Di Più
instagram story viewer