La storia del topo

Fin dagli albori dell'home computing, il mouse è stato il nostro fedele compagno. E non c'è design più iconico del Microsoft IntelliMouse, il cui involucro ergonomico, i pulsanti personalizzabili e l'eccezionale precisione lo ha reso la prima scelta di giocatori e guerrieri di fogli di calcolo per più di due decenni. Ora, nel 2018, il Classic IntelliMouse celebra e aggiorna questa eredità, con nuovi look intelligenti, tecnologie di tracciamento avanzate e pulsanti Microsoft più affidabili e reattivi di sempre.

È molto diverso dalle umili origini del topo. Nel lontano 1964 fu Douglas Engelbart, ricercatore presso lo Stanford Research Institute in California, a svelare il primo mouse per computer: una voluminosa scatola di legno con ruote nella parte anteriore e laterale, più un singolo pulsante che sporge dal superiore. Mentre spingevi la scatola intorno alla scrivania, le ruote giravano e inviavano i dati a un computer host, permettendogli di tracciare i tuoi movimenti. Engelbart chiamò la sua invenzione "l'insetto", ma il lungo cavo che sporgeva dal retro lo faceva sembrare più un topo e il soprannome si bloccò rapidamente.

Il primo grande perfezionamento è arrivato solo pochi anni dopo, quando il produttore di computer tedesco Telefunken ha sostituito le ruote con una trackball rotante incorporata nella parte inferiore del mouse. In un colpo solo, questo ha consentito un tracciamento molto più fluido e la palla è diventata un elemento fisso di lunga data su tutti i mouse per computer, come saprai se ricordi i computer di casa degli anni '80 e '90.

Tuttavia, c'erano ancora alcuni intoppi con questo design. Per prima cosa, ha richiesto l'invenzione del tappetino per il mouse, una superficie leggermente strutturata che si trovava accanto alla tastiera per aiutare a mantenere la palla in modo affidabile. E anche in questo caso, nel tempo, il mouse raccoglie inevitabilmente piccoli pezzi di polvere e sporcizia, che si incastrano nei rulli interni. Il risultato è stato un movimento nervoso e appiccicoso, fastidioso quando si tenta di aprire un documento e potenzialmente fatale se si sta giocando.

Anche quei primi mouse per computer da casa non erano esattamente comodi da usare. Il primo vero mouse Microsoft, pubblicato nel 1983, era una cosa angolare che faceva poche concessioni alla forma della mano umana; non è stato fino al 1993, quando Microsoft ha rilasciato il "Mouse 2.0", che abbiamo finalmente ottenuto un mouse scolpito per adattarsi al palmo e alle dita dell'utente. Tutti hanno applaudito, tranne i mancini, per i quali il nuovo design era al contrario.

La vera rivoluzione è arrivata tre anni dopo. Nel 1996, Microsoft ha rilasciato IntelliMouse, con un design ergonomico aggiornato. Ma non era solo il mouse più comodo di sempre: presentava anche un nuovo meccanismo di tracciamento eccezionalmente preciso e fluido. Ciò lo ha reso un successo immediato tra i giocatori, mentre i pulsanti programmabili sui lati hanno dato loro un ulteriore vantaggio competitivo. Come se non bastasse, questo è stato anche il mouse che ha introdotto la rotella di scorrimento, una fantastica innovazione che ha aiutato la prima generazione di navigatori del web a navigare con facilità e comodità. Non sorprende che IntelliMouse sia diventato il modello per quasi tutti i mouse che lo hanno seguito.

C'era solo un'altra innovazione chiave in arrivo. Nel 1999, IntelliMouse Explorer ha introdotto la rivoluzionaria tecnologia IntelliEye, sostituendo la pallina del mouse con un'unità di tracciamento ottica basata su un LED e una fotocamera ad altissima risoluzione. Addio tappetini per il mouse e pulizie complicate: ciao controllo ultra-fine su più o meno qualsiasi superficie - e il caratteristico "fanale posteriore" rosso.

Senza dubbio, il mouse ha fatto molta strada dal "bug" originale di Engelbart. E oggi, il Microsoft Classic IntelliMouse incarna quella storia di progresso, combinando i contorni immediatamente riconoscibili del 2003 Il modello IntelliMouse 3.0 con la precisione senza precedenti della più recente tecnologia ottica di Microsoft e l'ingegneria aggiornata per una straordinaria sensazione tattile Esperienza. Più di un semplice mouse, il Classic IntelliMouse è la continuazione di un'eredità illustre e che conferma l'IntelliMouse come il gold standard nei topi per le generazioni a venire.

Il Microsoft Classic IntelliMouse è ora disponibile tramite Microsoft Store e rivenditori selezionati per £ 39,99.

Recensione Rapoo MT550: un formidabile tuttofare

Recensione Rapoo MT550: un formidabile tuttofareTopi

I mouse wireless sono una benedizione mista. La mancanza di un cavo li rende altamente trasportabili e, anche se sei sempre alla stessa scrivania, c'è da fare un argomento a favore del taglio dei ...

Leggi Di Più

Recensione Cherry MW 2300Topi

Tipo di mouse: Infrarossi, Risoluzione: 1000/1500/2000 dpi, Bottoni: 5, Connessione: Senza fili, Garanzia: Due anni RTBCherry MW 2300 è un mouse wireless a infrarossi con un design simmetrico. Ciò ...

Leggi Di Più

Recensione Mionix Naos 5000Topi

Il mouse da gioco 5000 di Mionix ha una superficie superiore opaca e antiscivolo e un design confortevole ed ergonomico. Per impostazione predefinita, i due pulsanti dietro la rotellina di scorrim...

Leggi Di Più
instagram story viewer